NORMATIVA

VANTAGGI FISCALI E PREVIDENZIALI


I contributi associativi versati da enti associati e/o assistiti, non sono soggetti a IVA,hanno oneri previdenziali ridotti e non costituiscono retribuzione imponibile per i lavoratori dipendenti fino a € 3.615,20 (art. 51 TUIR,1986)


CONTRIBUTI
INPS 
ONERI 
FISCALI
COSTO 
AZIENDA
NETTO
DIPENDENTE
ASSISTENZA SANITARIA
€ 1.000
10%
AZIENDA
0%
DIPENDENTE
€ 0

€ 1.100


€ 1.000

AUMENTO
RETRIBUTIVO
€ 1.000
28%
AZIENDA
9%
DIPENDENTE

4%
AZIENDA
27%
DIPENDENTE


€ 1.300


€ 640


I recenti interventi legislativi, in particolare le Leggi di Bilancio 2016 e 2017, ridando slancio al welfare aziendale, hanno aumentato il tetto alla deducibilità per beni e servizi legati di Work-Life balance.  
Di seguito le principali novità: 

  1. Possibilità di inserire servizi welfare attraverso la contrattazione
  2. Conversione del premio di risultato in servizi welfare:
  • Gli incrementi dei premi di risultato devono soddisfare almeno uno di questi indicatori:             produttività/redditività/qualità/efficienza e innovazione 
    (Fonte: Agenzia delle Entrate, circolare 5/E 29/03/2018)
  • Beneficiari:  
    lavoratori dipendenti del privato con reddito annuo non superiore a 80.000 €


Importo soggetto ad una cedolare secca del 10% (carico azzerato se premio erogato in servizi welfare):
3.000 € non concorrono al reddito complessivo ma rilevano ai fini ISEE
4.000 € se le aziende coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione